Usa lo schema dei professionisti per creare ripetutamente nuovi contenuti sullo stesso argomento [file gratuito]

pablo (7)

Se utilizzate o volete utilizzare il vostro blog per promuovere voi stessi come professionisti, freelance, o per promuovere la vostra azienda, molto probabilmente vi troverete presto davanti al seguente problema: generare con costanza nuovi contenuti relativi al settore in cui operate.  Non importa quale sia l’ambito (social media/design/cibo biologico/risorse umane/moda/Pokemon…), come fate a pubblicare nuovi post senza annoiare il vostro pubblico?

Poco tempo fa avevo scritto un post su come superare il blocco dello scrittore e trovare sempre nuovi argomenti da trattare.

Il post di oggi è per certi versi “fratello” del post precedente. Oggi vorrei farvi vedere lo schema utilizzato da chi produce veramente un sacco di contenuti per essere sicuri di:
1) non annoiare mai i lettori 
2) avere nuovi punti di vista con cui affrontare un argomento
3) generare titoli in grado di attrarre visitatori

Arrivati alla fine del post potrete scaricare lo schema da seguire per generare nuovi contenuti e nuovi titoli per i vostri post. E’ un semplicissimo file Excel ma sono sicuro che vi farà risparmiare un sacco di tempo.

Prima di iniziare: sto già aiutando aziende e professionisti a definire la propria strategia digitale. Se vuoi lavorare con me trovi maggiori dettagli a questa pagina.

Ora veniamo a noi. Se leggete una vagonata di post, dopo un pò noterete che, nonostante gli argomenti trattati siano i più diversi, spesso i titoli degli articoli hanno una struttura simile.

Facciamo un esempio prendendo due aziende decisamente diverse tra loro quali WPCurve e Shopify.

Abbiamo già parlato più volte di WPCurve, un servizio che per una fee mensile offre supporto illimitato per WordPress. Tra tutti gli utenti di WordPress possibili il loro target principale sono gli imprenditori e quindi tutta la loro strategia di contenuti gira intorno ai temi di imprenditorialità e startup.

Shopify, invece, è uno dei più popolari software per creare e gestire un e-commerce. Inutile dire che il loro target siano tutti coloro che hanno o vogliono aprire un e-commerce (non l’avreste mai detto, vero?!) e quindi i loro contenuti sono volti a migliorare la gestione del proprio negozio on-line, come aumentare le vendite, quali sistemi di pagamento utilizzare, etc. etc.

Ora confrontate i titoli di questi due post:

WPCurve: “17 influencer condividono il loro segreto n.1 quando si tratta di networking

Shopify: “10 esperti di retail condividono il loro consiglio n.1 per far crescere il proprio negozio

E’ evidente che i due articoli abbiano una struttura simile.

In sostanza, i team di content marketing delle due aziende hanno preso un argomento generale (il “networking” in un caso e “aumentare le vendite” nell’altro) e si sono chiesti “da quale punto di vista lo possiamo trattare?” Anziché pubblicare un post, forse un pò banale, dal titolo “come fare networking”o “come vendere di più” hanno usato la chiave degli esperti per creare un contenuto originale e incuriosire la propria audience.

Seguite questi 5 passi

Ok, ma come si può replicare? E’ stato proprio Dan Norris di WPCruve a condividere i seguenti passi. Seguiteli perché vi aiuteranno a trovare angolature diverse per lo stesso argomento e a generare titoli attraenti.

Argomento
Scrivete anche in termini molto ampi quale sia l’argomento che volete trattare. Riprendendo l’esempio di cui sopra ovviamente “fare networking” è l’argomento principale. Nel caso del post che sto scrivendo l’argomento è “Blogging” o meglio “Content Marketing”.

Problema e aspirazione
Le persone sono attirate dai contenuti che possono risolvere i loro problemi o soddisfare le loro aspirazioni. Definite quale problema stanno vivendo le persone che pensate leggeranno il vostro post e quale aspirazione hanno, quale risultato avranno o quale consiglio potranno mettere in pratica una volta finito di leggere il vostro articolo. Molto semplicemente chi sta leggendo il post che sto scrivendo adesso ha il problema non riuscire a generare nuovi contenuti in modo costante e alla fine, invece, avrà un schema da utilizzare per sempre.

Scegliete 5 tipi di contenuto
Ci sono innumerevoli tipi di contenuto che si possono creare sullo stesso argomento. Partite scegliendone solo 5 tra gli 11 che trovate qui di seguito.

  1. Caso studio
  2. Guida
  3. Roundup (Opinioni di esperti)
  4. How to (Come fare)
  5. How not to (Come non fare)
  6. Infografica
  7. Recensione
  8. Costo/prezzo
  9. Data driven
  10. Il meglio di/ lista
  11. Opinione

Se non sapete quali scegliere potete guardare, ad esempio grazie a Buzzsumo, che cosa hanno scritto i vostri competitor, in che modo hanno trattato l’argomento e se voi potete creare qualcosa di originale. Nel caso del post che state leggendo ho scelto il contenuto “How to”.

Titolo descrittivo
Per ognuno di questi contenuti, scrivete un titolo semplice e descrittivo. Il WPCurve poteva semplicemente essere “Come fare networking”. Il post che sto scrivendo poteva semplicemente essere “Come generare nuovi contenuti”. Ma se il titolo fosse rimasto così molto probabilmente non avreste mai cliccato.

Gancio (o “uncino”)
Infine, aggiungete un “hook” (gancio) grazie al quale sarà molto più probabile che la gente decida di cliccare sul vostro post.
Gli “hook” aggiungo al titolo l’ingrediente che lo renderà interessante. Possono essere di 6 tipi, che riporto di seguito.

  1. Controcorrente = date informazioni contrarie rispetto ai quanto ci si aspetterebbe
  2. Sorpresa = descrivete un fatto che li possa sorprendere, opposto a ciò che potrebbero pensare
  3. Obiezioni = usate il titolo per rispondere a potenziali obiezioni
  4. Garanzia = date una garanzia di successo
  5. Interesse = cercate di dare numeri, fatti reali interessanti
  6. Timore = fate appello a possibili timori/dubbi

(Ah, una cosa: prima di scaricare il file, non è che ti andrebbe di condividere il post cliccando sulla barra laterale a sinistra? Grazie!)

A me è molto utile tenere a portata di mano un schema da utilizzare continuamente. Potete avere la copia esatta del file che uso cliccando qui sotto.

Comments

comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *